Prima valutazione positiva della IEO (Istituto Europeo Di Oncologia) sull’utilità della sigaretta elettronica

Secondo le prime osservazioni dello IEO (Istituto Europeo di Oncologia) la sigaretta elettronica può essere uno strumento di straordinaria efficacia, almeno per innescare la fase iniziale del percorso di disassuefazione, quella della dipendenza psicologico-gestuale. Proprio per questo si è deciso di avviare un protocollo scientifico in collaborazione tra Istituto Europeo di Oncologia, Istituto San Raffaele e Centro Cardiologico Monzino che si prefigge di testare l’utilità dell’impiego della sigaretta elettronica in pazienti affetti da tumore o da infarto miocardico recente, fumatori di almeno 10 sigarette al giorno da almeno 10 anni, come elemento aggiuntivo all’attività di counselling normalmente esercitata da personale medico dedicato: “Oggi - spiega Carlo Cipolla, Direttore dell’Unità di Cardiologia e Centro Antifumo dell’IEO - annunciamo l’avvio di un protocollo scientifico che testerà la sigaretta elettronica nel contesto più difficile: quello di malati importanti che si trovano nella necessità ‘immediata’ di dover smettere di fumare, senza avere il tempo di poter accedere e seguire un protocollo completo che richiede mesi di terapie combinate".
Fonte: SALUTE 24 online 25 maggio 2011

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli,clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie OK